10 cose da non perdere in inverno in Val Pusteria

Di <a>{authorName}</a> il {prevDate} in Uncategorized

Vorrei chiederti di chiudere gli occhi e immaginare questa scena che sto per descriverti, ma non si può, ho bisogno che li tieni bene aperti e leggi il post! A fondo articolo, dopo che avrai individuato lo chalet o l’appartamento in montagna dei tuoi sogni, allora sì, potrai abbassare le palpebre e sognare un po’. […]

Vorrei chiederti di chiudere gli occhi e immaginare questa scena che sto per descriverti, ma non si può, ho bisogno che li tieni bene aperti e leggi il post! A fondo articolo, dopo che avrai individuato lo chalet o l’appartamento in montagna dei tuoi sogni, allora sì, potrai abbassare le palpebre e sognare un po’. Non troppo però, perché chi tardi arriva… meglio sempre prenotare in anticipo la tua casa vacanze, i sogni non possono aspettare troppo, specialmente se la destinazione è ambita come la Val Pusteria in inverno.

Ogni volta che sono arrivato tra queste splendide montagne, ricordiamolo, tra le più belle del Mondo, ho pensato sempre la stessa cosa: “un altro posto così non c’è”. È l’estrema cura del paesaggio, compreso gli edifici e l’accuratezza nei dettagli, che colpisce maggiormente. Ecco perché, specialmente il Trentino Alto Adige, e in questo caso la Val Pusteria, è una delle mete più ricercate nella stagione più fredda. Andiamo a scoprire assieme dieci cose da non perdere durante il tuo soggiorno in Val Pusteria nei mesi invernali.

San Candido non potevo tralasciarlo, anzi, è la prima della lista. Il Monte Baranci con la leggenda del Gigante dormiente veglia su questo borgo così particolare e così curato. Potete optare per sciare nei numerosi comprensori della zona ma anche semplicemente prendere una cioccolata calda nella piazza del paese, sarà comunque un’esperienza indimenticabile.

Non si viene in Alto Adige senza passare dal Lago di Braies. Seppure si tratti di una meta un po’ inflazionata, c’è sempre tanta gente, magari in inverno si può godere di tutta questa bellezza senza la calca dei mesi estivi. Lo spettacolo nei mesi freddi è ugualmente stupendo tra lago ghiacciato (se fa abbastanza freddo) e contorno di vette aguzze. Un tip! Sulla strada per il lago ho mangiato molto bene nel ristorante dell’Hotel Edelweiß, prenotando avrai anche l’accesso sino al lago in auto incluso.

placeholder photo

Tra le formazioni naturali più incredibili, le Piramidi di terra a Perca sono quelle che mi hanno stupito maggiormente. Spuntano dal nulla creando un paesaggio quasi surreale. Le formazioni rocciose hanno sulla sommità un grosso masso che con il freddo potresti trovare ricoperto pure da uno strato di neve, molto suggestivo! Attenzione alla strada in inverno, assicurati in anticipo che sia ben pulita.

Solo qualche chilometro oltre il confine con l’Austria, vicino San Candido, ci permette di arrivare alla fabbrica della Loacker a Panzendorf. È una tappa imperdibile per i più o meno golosi dei wafer ripieni alla crema di nocciola o cioccolato. Una tappa decisamente molto golosa alla quale sono sicuro non vorrai rinunciare, esattamente così come ho fatto io, che però sono anche troppo goloso. Negozio sul posto e laboratorio possibile su prenotazione.

Uno specchio d’acqua dove immergersi (non in senso stretto) nella natura invernale dell’Alto Adige è quello del Lago di Anterselva. Un grande lago alpino, totalmente ghiacciato e contornato da alte e bellissime montagne in una conca ammaliante per il suo fascino. Esperienza da provare, specialmente al mattino, anche se l’aria sarà più frizzante. Il solo rumore dei tuoi passi, roba da brividi, non per il freddo, per l'emozione.

Plan de Corones è il regno degli sciatori. Se gli adulti troveranno chilometri e chilometri di piste innevate, i bambini avranno a disposizione campi scuola, strutture per accoglierli, magari mentre i genitori si prendono un paio di ore per sciare da soli, maestri per apprendere lo sci e lo snowboard.

placeholder photo

Realizzato in quello che era il Grand Hotel di Dobbiaco, il Centro Visite delle Tre Cime è una tappa da tenere a mente durante una vacanza invernale in Val Pusteria. La storia di queste montagne in un museo moderno, interattivo e soprattutto inserito in un edificio storico unico con un grande parco esterno.

Un po’ di shopping natalizio o semplicemente invernale lo si può fare in centro storico a Brunico. La parte più vecchia della località è un piccolo gioiello racchiuso tra case d’epoca e le antiche porte della cittadina. Tante le vetrine dalle quali farsi incantare, specialmente quelle dei negozi di specialità locali, irresistibili!

Se nel nostro immaginario infantile è rimasta la bellezza della valle incantata del personaggio Heidi, la Valle di Casies è forse il posto che a mia memoria più vi si avvicina. Non ci sono particolari attrazioni, solo l’estrema bellezza naturale del luogo, ma ti sembra poco?

Buone vacanze invernali in Val Pusteria! Un appartamento Dormoa potrebbe essere sicuramente la base perfetta per una vacanza perfetta in montagna, da soli, in coppia o in famiglia.

Se viaggiate in famiglia, perché non alloggiare in questo appartamento a San Vigilio, da cui risalire verso il Plan de Corones per una giornata sulla neve, oppure partire in esplorazione della Val di Tures da questa soluzione a Campo Tures.

Se siete in gruppo invece, perché non andare a Valdaora e alloggiare in uno di questi appartamenti per 6 e 8 persone.