Cos’è e come funziona la Oyster Card

by | 13 Nov 2019 | Trasporto pubblico | 0 comments

“Oyster card” e “Oyster Visitor Card”

Uno dei modi più frequenti per utilizzare i trasporti pubblici di Londra è attraverso l’utilizzo della “Oyster Card. Questa, assieme alla sua analoga versione turistica (la “Oyster Visitor Card), rappresenta la modalità in assoluto più utilizzata, dai turisti e dai londinesi, per muoversi nella capitale inglese e girare la città.

In questo articolo vi spieghiamo tutto ciò che c’è da sapere sulle due tessere, sulle loro caratteristiche, sulle differenze e sulle loro modalità di funzionamento.

La classica Oyster Card

Cos’è e perché farla

La Oyster Card Standard è una tessera elettronica in plastica, riconoscibile dal suo colore azzurro/blu, che serve per viaggiare sui mezzi pubblici di Londra.

La Oyster Card, rispetto al normale biglietto cartaceo, permette di risparmiare sul costo del viaggio, ed è dunque consigliata per tutti quelli che intendono utilizzare il trasporto pubblico londinese.

Caratteristiche principali

La Oyster Card non ha una scadenza e il credito caricato al suo interno non va mai perso, quindi può essere conservata e riutilizzata se decidete di tornare a Londra in futuro.

Allo stesso modo, qualora decidiate di non conservarla, potrete restituirla, chiedendo il rimborso della cauzione e del credito residuo presente all’interno.

La Oyster Card non è nemmeno nominativa, quindi può essere prestata ad amici e parenti che intendono visitare Londra.

Dove si acquista

La Oyster Card si acquista a Londra, presso le biglietterie automatiche delle stazioni della metropolitana, DLR o Overground. La cauzione richiesta per l’acquisto è di , rimborsabili nel caso in cui decidiate di restituire la tessera al termine della vostra vacanza.

Su quali mezzi si può utilizzare

  • Metropolitana
  • Bus di linea
  • Overground
  • DLR
  • Tram
  • Alcune tratte ferroviarie
  • Gatwick Express (in questo caso, però, c’è una tariffazione “Extra Daily”, quindi utilizzare la Oyster può non essere la soluzione migliore)

Come si usa

Ci sono principalmente tre modi per utilizzare la Oyster Card:

 

  • Metodo “pay-as-you-go”: se la vostra vacanza dura non più di 5 giorni, questo metodo è generalmente il più conveniente. Con questa formula, la Oyster funziona come una qualsiasi carta di credito ricaricabile: all’acquisto, essa viene caricata con il credito desiderato, e a ogni viaggio, viene scalato l’importo corrispondente alle zone che avete attraversato. Questo non vale per gli autobus, per i quali la tariffa è invece standard (1.50£ a tratta) e non varia a seconda delle zone in cui vi muovete. Esiste un tetto massimo giornaliero (detto “daily cap”), oltre il quale ogni viaggio è gratuito. Per esempio, per le zone 1-2, che sono quelle maggiormente battute dai turisti, il daily cap è di 7£: ciò vuol dire che, dopo il raggiungimento di questa somma, se deciderete di utilizzare ancora i mezzi pubblici, non vi verrà scalato altro credito.
  • Abbonamento: se il vostro soggiorno a Londra dura invece dai 5 ai 7 giorni, il modo più conveniente di utilizzare la Oyster è attraverso un abbonamento settimanale, che prende il nome di “Travelcard” o, ancor più precisamente, di “7 Days Travelcard Season”. L’abbonamento viene caricato direttamente sulla Oyster stessa al momento dell’acquisto nelle casse automatiche, e il suo costo varia a seconda delle zone che decidete di inglobare nel vostro piano. Per le informazioni dettagliate del 2019, vi rimandiamo al link ufficiale di TFL.
    Per completezza di informazione, vi ricordiamo che esiste anche un’altra tipologia di abbonamento, che comprende solo i viaggi sugli autobus di linea e sui tram, chiamata “Pass bus and tram”.
  • Modalità mista: questa modalità, molto utile nel caso in cui decidiate di caricare un abbonamento sulla vostra Oyster, permette di aggiungere del credito extra sulla tessera al fine di coprire la differenza di tariffazione rispetto alle zone coperte dal vostro abbonamento. In altre parole, questo significa che se per esempio avete un abbonamento valido per le zone 1 e 2, e avete bisogno di recarvi in zona 3, la vostra Oyster sottrarrà dal vostro credito aggiuntivo solo l’importo corrispondente al tratto di viaggio non coperto dall’abbonamento, quindi in questo caso quello percorso in zona 3.

L’utilizzo pratico nelle stazioni e sugli autobus

All’entrata delle stazioni della metropolitana, tutto ciò che dovrete fare è appoggiare la vostra Oyster Card al lettore sia all’entrata che all’uscita. L’importo sarà scalato dalla carta nel momento in cui uscirete dalla metropolitana, e sarà visibile nei display delle stazioni. Potrete anche controllarlo semplicemente appoggiando alle macchinette di emissione la vostra carta.

Per gli autobus il procedimento non è molto diverso. Dovrete anche qui appoggiare la vostra Oyster al lettore giallo che trovate all’entrata, vicino al conducente, ma in questo caso non servirà ripetere il procedimento all’uscita.

Viaggiare con bambini e ragazzi

Se accompagnati da adulti (almeno un adulto ogni 4 bambini), i bambini fino agli 11 anni viaggiano gratis nei mezzi pubblici. Per loro, non è necessaria alcuna tessera.

I ragazzi dagli 11 ai 15 anni compiuti, invece, pagano la metà. Basta rivolgersi al personale ferroviario delle stazioni metropolitane, e chiedere che venga caricata sulla tessera dei ragazzi la tariffa “Young Visitor”, che permette di viaggiare sui mezzi pubblici a tariffa ridotta.

Come restituire la Oyster Card

La cauzione e l’eventuale credito inutilizzato sulla vostra Oyster Card possono essere rimborsati qualora decidiate di non conservare la carta. Questo rimborso può essere chiesto nelle casse automatiche delle stazioni della metropolitana (non alle stazioni di DLR e Overground) in cui appare in alto la scritta “Oyster Refund”: non dovreste avere problemi a individuarle, anche perché sono generalmente più grandi rispetto alle casse normali, ma nel caso in cui non riusciste a trovarle, la cosa più semplice da fare è chiedere aiuto agli operatori presenti in stazione, che certamente sapranno aiutarvi.

Fate tuttavia attenzione, perché per chiedere il “refund” è necessario che siano rispettati alcuni requisiti:

  1. Il rimborso può essere chiesto solo dopo che sono trascorse almeno 48 ore dal rilascio della carta stessa. Finché non è trascorso questo tempo, la restituzione della carta non dà diritto al rimborso di credito e cauzione.
  2. Il credito residuo sulla vostra Oyster (esclusa dunque la cauzione) non deve superare i 10£.
  3. Sulla vostra Oyster non devono essere presenti abbonamenti ancora validi al momento della richiesta di rimborso.

È inoltre possibile restituire la Oyster Card direttamente in aeroporto, ma solo negli aeroporti di Gatwick e Heathrow (Terminal 5, presso la biglietteria dell’Heathrow Express). Attenzione però, perché a Gatwick è possibile richiedere il rimborso della sola cauzione, mentre il credito residuo non vi verrà restituito.

Nel caso in cui non siate riusciti a ottenere il rimborso nei modi sopra indicati, potrete rivolgervi ai centri di informazione turistica, oppure potrete richiedere il rimborso compilando un apposito form on-line: in quest’ultimo caso, però, il rimborso avverrà solamente con un assegno in sterline.

Una volta ottenuto il rimborso, la Oyster verrà disattivata e dunque non sarà più utilizzabile.

La Visitor Oyster Card

Cos’è e come funziona

È la “sorella gemella” della normale Oyster Card, ed è pensata appositamente per i turisti.

Come la ben più nota “Oyster Card”, anche questa tessera non ha una scadenza e resta sempre attiva.

Si può acquistare on-line oppure negli sportelli di informazione turistica a Londra, o ancora nelle biglietterie ferroviarie degli aeroporti di Gatwick e Stansted.

Rispetto alla normale Oyster, la Oyster Visitor Card presenta alcune differenze:

  1. La cauzione di 5£ non è rimborsabile. È invece rimborsabile il credito residuo, che può essere riscattato nelle casse automatiche della metropolitana, con il medesimo procedimento spiegato per le normali Oyster.
  2. Si può utilizzare solo con la formula “pay-as-you-go”, cioè con il credito a scalare, mentre non è possibile caricare su di essa alcun abbonamento. Come la Oyster Card essa è ricaricabile, e ha il medesimo tetto di spesa giornaliero, oltre il quale ogni viaggio è gratuito.
  3. Si può ordinare, e far arrivare direttamente a casa. In questo caso, verranno aggiunte anche le spese di spedizione, per le quali vi verrà chiesto un contributo aggiuntivo pari ad altri 5£.
  4. Dà diritto a sconti sulle attrazioni. Per maggiori informazioni in lingua italiana, seguite questo link.

La Visitor Oyster Card, infine, prevede le stesse agevolazioni per bambini e ragazzi, e nella pratica si utilizza come una qualsiasi Oyster Card.